redirect

15 ottobre 2012

CREATIVE LAB diventa HANDMADE COU[L]TURE e trasloca!

Come annunciato nel post precedente, CREATIVE LAB si trasferisce e cambia nome, diventando HANDMADE COU[L]TURE.


Questo trasferimento mi sta costando fatica e sudore ma credo (e spero) che ne varrà la pena.
Mi auguro che vogliate seguirmi anche nella nuova "casa" e che inserirete il mio nuovo indirizzo tra i vostri preferiti! Eccolo: www.handmadecoulture.wordpress.com.
Vi aspetto di là e, probabilmente, il mio primo post su Handmade Cou[l]ture verterà proprio sulle difficoltà che trasferirsi da una piattaforma (nel mio caso, Blogger) ad un'altra (Wordpress) comporta...
Devo ringraziare di cuore Marzia Schiavolin (il suo bellissimo blog lo trovate qui) per il supporto tecnico e morale, nonché i miei nervi saldi nell'apportare modifiche al codice html mantenendo la calma necessaria per non farsi prendere dal panico... ;-)
Se qualcuna di voi intende fare il grande passo e ha bisogno di aiuto, si ricordi che io sono qui a completa disposizione!
Un abbraccio e.........VENITE DI LA'!!!!
Vannalisa

13 ottobre 2012

Wordpress Vs. Blogger | Si cambia!

Sono alle grandi manovre. E' tanto che ci rifletto su e il momento sembra essere arrivato. Ho intenzione di spostare questo blog sulla piattaforma wordpress. Spero che le operazioni di trasferimento vadano per il verso giusto e che voi non subiate troppi disagi...


Ho il terrore che qualcosa vada storto, però sento che bisogna fare un salto di qualità e wordpress può aiutarmi nel raggiungere questo obiettivo.
La piattaforma offre decisamente maggiori possibilità di personalizzazione del proprio spazio virtuale, mettendo a disposizione moltissimi temi per il proprio blog, widget a profusione e plugins (cioè miglioramenti ai servizi-base) tali da renderla, secondo me, quanto di meglio circola in rete attualmente.
Inoltre questo blog, nato come méli mélo e poi evolutosi in Creative Lab, stava diventando un guazzabuglio e ingenerava confusione nei visitatori (si chiama sì Creative Lab ma l'indirizzo è melimelo-vannalisa.blogspot.com). L'altro blog (Handmade Cou[l]ture), già su wordpress, era stato abbandonato a sé stesso e ho pensato che fosse giunta l'ora di unificare e mettere tutto in ordine. Infatti, completato il trasferimento dirò addio a CREATIVE LAB e benvenuto a HANDMADE COU[L]TURE, che rimarrà il nome definitivo per il mio blog.
Non so quando (e per ora nemmeno come!) riuscirò a completare il "trasloco" ma ne sarete prontamente avvertite, prometto!
Qualcuno di voi ha già fatto qualcosa di simile? E se sì, com'è andata? Tutto bene e niente feriti sul campo? ;-)
Torno a preparare gli scatoloni (virtuali) ma, nel frattempo, incrocerete le dita per me?
Vannalisa

12 ottobre 2012

Free printable | Un'illustrazione da stampare | Per il bebé

Sono giorni che traffico con la tavoletta grafica (e se mi seguite sulla mia pagina fb lo saprete già) e son giorni che mi diverto come una bambina... Mi è sempre piaciuto disegnare, anche se poi ho finito per studiare ragioneria... ;-)
Ho un'amica che sta per partorire e pensando a lei me ne sono uscita fuori con una piccola illustrazione da stampare, incorniciare ed appendere nella stanza tutta nuova del suo bebé.
Adoro gli uccellini, anche se ormai sul web se ne sono visti di tutte le forme e dimensioni, e non potevo non aggiungere la mia personale versione a quanto già circola in rete.
Spero vi piaccia (la cornice in legno è una mia aggiunta per il post e non è inclusa nel file che stamperete).





Per scaricare e/o stampare il file in formato pdf, andate al box qui sotto. Per quanto riguarda la stampa, invece, vi suggerisco di farla su un foglio A4 di cartoncino spesso (almeno 120 g./mq) e color avorio... Ovviamente libere poi di fare come più vi piace! ;-)



Torno a disegnare... cip cip!
Vannalisa




06 ottobre 2012

Surfing the Web | Pois/Polka Dots

Io adoro i pois. Mi ricordano l'infanzia, quando nel mio armadio c'era sempre qualcosa a pallini, fosse anche il fazzoletto di cotone per soffiarsi il naso. E anche quando mi sono beccata il morbillo. 


Photo Credit:  Alison Jane Hall

E poi mi mettono allegria, fanno subito "festa". Sarà per questo che, in un momento di crisi come l'attuale, sia un proliferare di pois ovunque (persino sui tronchi d'albero)? 
Eccoli avvistati sui vestiti (e questa ne è un'infinitesima selezione)...
Photo Credits: 1. 2. 3. 4.

E se volete approfondire la storia dei pois nella moda, ecco un link interessante sul sito italiano di Vogue.
Dai vestiti alla casa, il passo è breve ed ecco che la pallini-mania travolge anche gli accessori per la casa...
Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

Non potevano mancare i tutorial per farseli da sé ...
Photo Credits: 1. 2. 3. 4. 5.

E se pensavate di lasciare indenni almeno le pareti di casa e l'automobile, rinunciateci. Esistono adesivi da parete a pallini e copri-sterzo a pallini... A quando la carta igienica a pallini? ;-)
Photo Credit: Fraidy Cat Sentiments
Photo Credit: Mamma Jane

Ecco, io il copri-volante me lo comprerei subito, davvero. Vuoi mettere la botta di allegria che mi darebbe quando sono costretta ad alzarmi presto per accompagnare i bimbi a scuola? 
E se non ne avete ancora abbastanza, ecco una board su Pinterest interamente dedicata ai pallini: qui! E, dopo che Elisabetta (Multifaces Design) mi ha segnalato la sua sulla mia pagina fb, beccatevi anche questa qua!
Direi che può bastare. A meno che non riesca a trovare anche una foto della famosa zebra a pois da postare... ;-)
Vannalisa

04 ottobre 2012

Tre rondelle sul comò... e gli smalti dai colori improbabili

Con le rondelle traffico da parecchio. Ecco un esempio qui.
Il mio spacciatore di fiducia è il Brico ma non disdegno la ferramenta sotto casa, se sono in astinenza.
Il trend  (perdonami Moretti, se uso questo termine!) creativo di quest'estate sono state le rondelle verniciate. Ma non con la pittura classica. Con lo smalto per unghie. 


L'idea l'ho vista in innumerevoli blog e siti creativi, m'è piaciuta parecchio e, avendo comprato in un raptus modaiolo, alcuni smalti dai colori improbabili (soprattutto ora che sono "rinsavita") ho deciso di utilizzarli per spennellare la qualunque, tra cui anche tre belle rondellone "uso ciondolo".


E' bastato scegliere un cordone al quale agganciarli, a turno e a scelta, per trovarsi al proprio attivo con tre collane in più e il portafogli fuori pericolo.


Di smalti improponibili ne ho tutta una serie, fortunatamente comprati in versione mignon (la testa non l'avevo persa del tutto quando li ho acquistati) e non escludo di spennellare dell'altro. Per adesso indosso questo ciondolo su qualsiasi cosa mi venga a tiro e faccio la mia porca figura avendo speso, sì e no, un euro.

L'unica cosa che mi sento di consigliarvi è di stare attente. Le rondelle pesano e io, nell'indossare questo ciondolone, parecchie volte me lo sono dato sui denti. Usare con cautela, dunque, e a piccole dosi. Pena gengive e decolleté doloranti.
Vannalisa


28 settembre 2012

One day in my kitchen: olive schiacciate | livi scacciati


Do you know "livi scacciati"? Proprio ieri facevo questa domanda sulla mia pagina fb e oggi, per chi non li conoscesse, spiegherò che cosa sono. Per cominciare livi scacciati (in dialetto calabrese) sta per olive schiacciate. E già con questo incipit avete cominciato ad imparare una nuova lingua... ;-)
Io adoro le olive. Le mangio in tutti i modi possibili e immaginabili. Spesso, esagerando...
Quando mia suocera (proprietaria di un meraviglioso ulivo secolare ) mi ha chiesto se volevo delle olive da schiacciare, secondo voi cosa ho risposto?
Mi sono subito messa all'opera con entusiasmo (nonostante lo scetticismo di mio marito, che non crede alle mie capacità culinarie!) per fare questa preparazione tipica della mia regione.
Se non siete ulivo-munite vi toccherà procurarvele al mercato. Badate bene che non siano ammaccate o annerite e che siano di un bel colore verde brillante.
Prepararle richiede qualche giorno, ma l'intera procedura è semplicissima.
Ecco cosa vi serve:

Alla lista degli ingredienti sono da aggiungere alcuni utensili: 
  1. un grosso recipiente (un secchio va benissimo); 
  2. un  sasso; 
  3. un sacchetto delle patate opportunamente lavato e svuotato delle patate (la precisazione era d'obbligo!), ma se non ce l'avete andrà benissimo uno scolapasta.
PREPARAZIONE:
Schiacciate con il sasso le olive, privatele dei noccioli, inseritele nel sacchetto di patate (che adagerete nel secchio) e coprite tutto con abbondante acqua fredda.

Il giorno seguente, sostituite l'acqua del secchio (tirando semplicemente su il sacchetto di patate e lasciando colare) con dell'altra bollente (da lasciar raffreddare nel recipiente fino al nuovo cambio). Cambiate l'acqua regolarmente, almeno una volta al giorno (ma se sono due o tre è meglio), finché le olive risulteranno completamente dolci. Le mie si sono addolcite dopo circa 4 giorni. A questo punto, riempite nuovamente il secchio con acqua fredda ma salata (assaggiate e valutate il grado di sapidità che volete dare alle vostre olive) e lasciate le olive in questa salamoia una notte e un giorno.

Allo scadere di questo periodo, scolatele (ma non sciacquatele!)  e versate un bicchiere di aceto nel recipiente, lasciandovelo per un paio d'ore. Scolate nuovamente e condite con aglio e peperoncino tritati.

Le olive sono pronte e potrete scegliere di conservarle sott'olio nei barattoli di vetro (attenzione a ricoprirle interamente) oppure congelarle, dopo averle porzionate nei sacchetti per il freezer. Quando le porterete in tavola, vi assicuro che spariranno una via l'altra, come le ciliegie!
Dall'ulivo secolare di mia suocera ho anche staccato un rametto da portare a casa e l'ho infilato nel mio vaso monofiore fai da te (di cui vi ho parlato qui).


E' bastato a decorare un angolo di casa. Speriamo che duri e che le olive non vengano attratte dalla forza di gravità nel giro di qualche giorno.
Vannalisa

26 settembre 2012

Free desktop wallpaper: autunno, I love you!

Agli inizi di settembre, ho dovuto comprare un nuovo portatile. Il vecchio ormai era diventato allergico ai miei smanettamenti ed è passato in comodato d'uso gratuito a Lorenzo. Che, sicuramente, lo farà passare a miglior vita molto presto.
Ho avuto il mio bel daffare con il nuovo pc: configurare, scaricare nuovamente i programmi che utilizzo, memorizzare i segnalibro, ecc. Se vuoi male al tuo nemico, auguragli un cambio di laptop!
Dopo la parte tecnica, mi andava di "abbellire" almeno un po' il nuovo luccicante schermo ma tra i "wallpaper" a disposizione non ce n'era neanche uno che mi piacesse. O troppo "avveniristici" e freddi o dai colori troppo sgargianti... Alla fine ho deciso per il fai da me e ne ho creato uno  che desse il benvenuto alla mia stagione preferita: l'autunno.


Del quale, qui da me, non c'è neanche l'ombra. Mentre scrivo ci sono 30° C e nessuna previsione di abbassamento delle temperature... 
Però, il il mio sfondo me lo sono bello e piazzato sul pc e mi consolo guardandolo.
Se vi piace, potrete anche voi piazzarlo sul vostro, prima cliccando sull'immagine (aprendola nelle sue dimensioni reali) e poi, dopo aver premuto  il tasto destro del mouse, scegliendo l'opzione "Imposta come sfondo del desktop". Il formato è 1280 x 800 pixel.
Se vi piace, fatemelo sapere. Se non vi piace, fatemelo sapere. ;-)
Vannalisa



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails